Atletica news

CaniCross

Cronaca di una corsa da un altro punto di vista.

Ciao a tutti, mi presento sono Buddy un meticcio di cocker spaniel alto poco più di 28 centimetri e oggi vi voglio raccontare la mia prima gara di CANICROSS.

Abitualmente accompagno il mio padrone Massimiliano nei suoi allenamenti sui sentieri di montagna e durante una delle ultime uscite mi hanno dotato di una nuova pettorina e guinzaglio.

Cavoli come si corre bene con la nuova pettorina e anche se sono unito dal guinzaglio elastico mi piace un sacco perché quando vedo Massimiliano arrancare sulle salite posso dargli un piccolo aiuto.

Ma veniamo alla corsa …..

L’occasione per il nostro debutto e nella gara organizzata dagli amici “Zampe Selvagge“  di Bergamo: La VIGA THE TOP RACE 2019 alla memoria di Stefano Viganò un ragazzo prematuramente scomparso l’anno scorso anche lui amante dei cani e delle competizioni.

Partenza alle 7.00 da casa …… che supplizio per me fare un’ora di auto: io sono un cane d’azione non da divano.

Finalmente arriviamo e uffa  visita veterinaria; mi spiegano che è per il mio bene … per vedere se ho problemi a correre però non mi piace che mi toccano le mie zampette e gentilmente lo faccio capire alla dottoressa che mi visita.

Ok allora si parte? Si va? No non è ancora ora.

Allora mi guardo intorno e scopro tanti cani come me venuti qui con il proprio padrone per partecipare alla corsa.

Siamo più di cento coppie divise fra le varie categorie, chi correrà trainando una bici, chi uno strano monopattino e chi come me correndo a 6 zampe con il proprio conduttore.

Faccio in tempo a conoscere i 3 amici a 4 zampe di Stefano che mi raccontano di come gli manca ma anche come i suoi amici umani si stanno prendendo adesso cura di loro, tanto che hanno organizzato questa corsa per raccogliere dei fondi per il loro mantenimento.

Finalmente arriva il ns turno, partenza alle 11.05. Ci presentiamo sulla linea di partenza, io con la mia nuova pettorina e Massimiliano con la sua maglietta del Gruppo Sportivo Carabinieri: come sta bene e come porta con orgoglio la Fiamma dell’Arma, anche io sono felice di correre per la Benemerita.

Ma ecco che ci viene dato il via, si parte ….. subito la foga prende il sopravvento: dopo pochi metri fatti a tutta birra ci ingarbugliamo con il guinzaglio, Massimiliano saltella di qua e di la per liberarsi e anche io cerco di divincolarmi e perdiamo molto tempo.

Finalmente si corre, un bel rettilineo curva a dx , curva a sx doppia curva a sx e via ancora diritti, su e giù per i campi del Castello di Malpaga. Sento Massimiliano con il fiatone rallento un pochino per aspettarlo: certo per noi abituati a macinare chilometri in salita questa gara è troppo veloce come ritmo e … lo ammetto anche io sono un po’ stanco, ma non posso fermarmi e deludere il mio padrone.

Ecco si vede il traguardo, dai un ultimo sforzo. Mi affianco a Massimiliano per incitarlo … dai ce la puoi fare.

Tagliamo il traguardo tra 2 ali di gente che ci applaude, Massimiliano è cotto, si appoggia al muro e ha il respiro affannoso : lo vedo molto provato ,ma nonostante ciò mi abbraccia e mi fa un sacco di complimenti e coccole.

Non guardiamo ne cronometro ne posizione ma ci scrutiamo negli occhi consapevoli che ognuno di noi due ha dato il meglio di se e passato una giornata fantastica contribuendo nel nostro piccolo alla buona riuscita della manifestazioe.

Speriamo sia la prima di tante corse insieme ma……. Max la prossima volta allenati di più.

 

Buddy